Criminalizing Criticism of Israel in Canada

The international campaign calling for boycott, divestment, and sanctions (BDS) against Israel, as a peaceful means of persuading that state to abandon its systematic violations of international law and its policies of apartheid dispossession, colonization, and blockade in the occupied Palestinian territories, has recently enjoyed a burgeoning number of successes.1

In early February 2014, The Economist noted that BDS “is turning mainstream,”2 and former Israeli Knesset Speaker Avraham Burg wrote in Haaretz that the “BDS movement is gaining momentum and is approaching the turning point […. at which] sanctions against Israel will become a fait accompli.”3

http://www.globalresearch.ca/criminalizing-criticism-of-israel-in-canada/5376306

Advertisements

Negro Eric Holder Does Not Support Marijuana Reform

The marijuana world was rocked today by the announcement that Eric Holder is resigning. If that announcement wasn’t significant enough, Eric Holder stated that he would be open to the idea of rescheduling marijuana in an interview with Katie Couric. Per the Huffington Post:

Just as Attorney General Eric Holder prepares to step down from his post, he appears more open than ever to the argument for rescheduling marijuana as a less dangerous, more beneficial drug.

http://www.theweedblog.com/dont-be-fooled-eric-holder-does-not-support-marijuana-reform/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+TheWeedBlogcom+%28The+Weed+Blog%29

Retired Chief Federal Prosecutor: Vote Yes To Regulate Marijuana

Oregon’s former U.S. Attorney, one of the most respected prosecutors in the state, has endorsed Measure 91, which would regulate, legalize and tax marijuana for adults 21 and older.

Kris Olson has worked in justice and law enforcement for more than 40 years. “I enforced our marijuana laws, and they don’t work,” she said. “Filling our courts and jails has failed to reduce marijuana use, and drug cartels are pocketing all the profits.”

http://www.theweedblog.com/retired-chief-federal-prosecutor-vote-yes-to-regulate-marijuana/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+TheWeedBlogcom+%28The+Weed+Blog%29

Il problema ebraico nel mondo spirituale

di Julius Evola

(torna indietro)

In Italia, il problema ebraico non è molto sentito: a differenza di quel che è proprio ad altri Paesi, e soprattutto ai Paesi tedeschi, ove esso oggi, come tutti sanno, suscita profonde antitesi non solo in sede ideale, ma altresì in sede sociale e politica. Le ultime recenti leggi inspirate dal Goring, secondo le quali in Germania non solo il matrimonio fra Ebrei e non-Ebrei, ma altresì la stessa convivenza viene messa al bando e gli Ebrei, o coloro che già si sposarono con Ebrei, vengono definitivamente esclusi da ogni organizzazione dello Stato nazista, segnano il risultato estremo di queste tensioni.

Il problema ebraico ha origini molto antiche, varie e talvolta anche enigmatiche.
L’antisemitismo è un motivo che ha accompagnato quasi tutte le fasi della storia occidentale. Anche per l’Italia, una considerazione del problema ebraico altrimenti che per curiosità non dovrebbe esser priva di interesse. E il fatto che in Italia non sono presenti quelle speciali circostanze, che altrove hanno provocato le forme più dirette e irriflessive di antisemitismo, permette di considerare l’anzidetto problema con maggior calma e con maggiore oggettività. Come giudizio complessivo, diciamo subito che l’antisemitismo è oggi caratterizzato dalla mancanza di un punto di vista veramente generale, delle premesse dottrinali e storiche, necessarie per poter veramente giustificare, seguendo un procedimento deduttivo, le attitudini antisemite pratiche, cioè sociali e politiche. Per conto nostro, pensiamo che un antisemitismo non sia privo di ragione d’essere: ma la debolezza e la confusione dei motivi prevalentemente addotti dagli antisemiti, unitamente al loro violento spirito di parte, finisce col sortire l’effetto contrario, facendo sorgere in ogni spettatore imparziale il sospetto che tutto si riduca ad atteggiamenti unilaterali e arbitrali dettati meno da veri principi, che da interessi pratici contingenti. E così che in queste note ci proponiamo di procedere ad una disamina delle ragioni vere, da cui un atteggiamento antisemita può esser confortato. Si dice che se oggi esiste in modo particolarmente sensibile un pericolo ebraico nel campo della finanza e della economia in genere, esiste anche un pericolo ebraico in sede di etica e, infine, anche come spiritualità, religione, visione del mondo, tutto ciò che si riconnette al semitismo, e soprattutto agli Ebrei, avrebbe un carattere proprio, repugnante per gli altri popoli di razza bianca. Noi dunque esamineremo totalitariamente il problema, e in tre scritti esamineremo successivamente il problema ebraico nei suoi tre aspetti, spirituale o religioso il primo, etico-culturale il secondo e infine economico-sociale e politico. I punti di riferimento ce li forniranno naturalmente gli autori tedeschi più specializzati in questa materia e più caratteristici per il “mito” da loro sostenuto: ma noi cercheremo di riassumere tutto ciò nel modo più impersonale possibile, escludendo ogni elemento che non si lasci ricondurre ad un piano di pura dottrina. Esiste, in genere, una visione del mondo, della vita e del “sacro” specificamente semitica?

http://www.juliusevola.it/risorse/template.asp?cod=654&cat=EVO&page=1

The Africanization of France: Medical data suggests one-third French births are non-White

September 23, 2014 — 10 Comments

Guillaume Durocher

I take bold claims from alternative media with a grain of salt. So when the popular French racialist blog Fdesouche (short for “ethnic French”) claimed that around 34.44% of newborns in France in 2012 were non-White, I did not think much of it, supposing this figure was much too high to be realistic.

I decided to reconsider however when I came across a shockingly bad article in Le Monde supposingly “debunking” Fdesouche’s claim under the patronizing title “Sickle-cell anemia, the genetic disease which is exciting the far-right.” The “rebuttal” is a long collection of sophistic arguments and non-sequiturs*, none of which address Fdesouche’s data purporting to show that demographic change and de-Europeanization in France are rapidly occurring on a massive scale, what the French call le Grand Remplacement or “the Great Displacement.”

http://www.theoccidentalobserver.net/2014/09/the-africanization-of-france-medical-data-suggests-one-third-french-births-are-non-white/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+theoccidentalobserver%2Ffeed+%28The+Occidental+Observer%29

U.S. Border Control Is Meaningless

by MATT KOEHL

THE RECENT FLOOD of uninvited child migrants from Guatemala, Honduras and El Salvador has once again focused attention on the hordes of “undocumented” immigrants pouring across America’s southern border. The question is raised: What should be done about the problem?

http://theneworder.org/news/2014/09/us-border-control-is-meaningless/